Flores

Un’isola dalle tante tradizioni.

Ci vuole meno di un’ora e mezzo per volare da Bali a Flores ma sembra un po’ come viaggiare nel tempo. Flores è rimasta selvaggia e pressoché incontaminata, specialmente se paragonata alla più turistica Bali. E qui c’è ancora tanto da scoprire!

An island of many traditionsPer prima cosa i tesori naturali: cascate, risaie, monti ricoperti di foreste, spiagge deserte e lagune di un azzurro incredibile. Se ti piace camminare puoi salire fino alla sommità del monte Kelimutu e raggiungere i tre famosi laghetti. Questi cambiano colore con le stagioni, da rosso a grigio scuro e azzurro pastello. Oppure puoi nuotare nelle baie nascoste di Riung chiedendoti se hai appena trovato il ‘paradiso perduto’ e poi fare una passeggiata nei dintorni per ammirare ovunque i fiori bellissimi che danno il nome all’isola. Però vedi di non distrarti troppo.. casomai un varano ti stia spiando da dietro i cespugli!

E poi c’è la cultura: i villaggi tradizionali nei dintorni di Bajawa sono stati dichiarati patrimonio culturale delle nazioni dall’UNESCO. Con sei lingue distinte tutt’oggi parlate sull’isola, Flores mantiene vive le antiche tradizioni e le caratteristiche culturali di ciascun distretto. Il cattolicesimo ha avuto qui un’influenza profonda grazie a secoli di presenza missionaria Domenicana su tutta l’isola.

Allora cosa aspetti? Prepara lo zaino, affitta una moto o un fuoristrada e inizia l’avventura. Potresti passare settimane in giro ad esplorare e magari potresti anche perdere la bussola ma non ti annoierai di certo!